Mutui: spese per l'accensione di un mutuo casa

  • Commissioni bancarie per istruire la pratica, che variano da istituto ad istituto e vanno in genere da 150 euro a 1.000 euro.
  • Perizia tecnica per stimare il valore dell’immobile, il cui costo si aggira intorno alle 250 euro.
  • Assicurazione contro incendio e scoppio (a beneficio della banca). Per un mutuo di 50.000 euro, il premio varia da 150 a 500 euro per coprire tutta la durata del mutuo.
  • Parcella del notaio per la stipula del contratto di mutuo (ad essa deve essere aggiunta la parcella notarile per la stipula dell’atto di compravendita dell'immobile). Si tratta di un atto pubblico il cui importo varia al variare del valore dell’iscrizione ipotecaria: indicativamente per un mutuo di 50.000 euro la parcella può aggirarsi intorno ai 1.500 euro: è opportuno chiedere comunque un preventivo.
  • Iscrizione dell’ipoteca (se il mutuo viene erogato da un istituto di credito si paga l'imposta sostitutiva dello 0,25% del valore dell'immobile; se invece il finanziamento viene rilasciato da una società finanziaria occorre versare l'imposta per intero: 2% del valore dell'immobile).
  • Imposte varie.

Come si può notare l'accensione del mutuo ha alcuni costi non irrilevanti che vanno ad incidere anche sui mutui di piccola entità.

Tutte le spese sono a puro titolo indicativo e possono variare in ogni banca ed istituto erogante.

Norme di legge possono modificare in futuro altri valori come ad esempio l'entità dell'imposta sostitutiva ed altro: di solito comunque alcune di queste informazioni le danno allo sportello bancario o, meglio, presso il notaio.